Antinfiammatori - Dolore Muscoloscheletrico

 

Premessa : (da Wikipedia) L'infiammazione, o flogosi, è un meccanismo di difesa non specifico innato, che costituisce una risposta protettiva, seguente all'azione dannosa di agenti fisici, chimici e biologici, il cui obiettivo finale è l'eliminazione della causa iniziale di danno cellulare o tissutale, nonché avviare il processo riparativo.

 

 

Quindi l’infiammazione è una risposta dell’organismo di GUARIGIONE quindi positiva.

Allora che senso ha utilizzare farmaci per bloccare questo processo ?

 

La domanda da porsi è : dove avverto il dolore è anche la sede della causa che lo determina ?

 

A seconda della propria visione personale , studi e convinzioni, le risposte possono essere diverse e a volte contrastanti.

Dal punto di vista muscolo-scheletrico è mia convinzione che trattare i tessuti sede del dolore , nella maggior parte dei casi, sia inutile se non controproducente.

Va prima individuata la causa, poi, sfruttando un’infiammazione indotta, stimolare l’organismo a reagire. Va ricercata nei muscoli adiacenti la zona algica o nelle catene muscolari collegate.La reazione può a volte apparire come un peggioramento che poi , con il passare dei giorni, svanisce aprendo le porte alla guarigione. Questo approccio a volte è semplice, a volte complesso. Nonostante si dica che nella fase acuta sia meglio non intervenire ma aspettare che i farmaci facciano effetto, per esperienza personale, ottengo risultati più celeri trattando sin da subito con la massima cura in un momento di grande difficoltà e dolore. 

Un accanimento con antinfiammatori potrebbe condurre ad una infiammazione cronica , causa prima di ulteriori danni tissutali, fino all'intervento chirurgico riparativo.


Crea il tuo sito Gratis, Facile e Professionale!
www.onweb.it